martedì 30 ottobre 2012

Rotolo alla Nutella!!

Eccomi dopo una breve assenza (anche io merito un po' di riposo no!?). Per farmi perdonare oggi posto una super ricetta..il ROTOLO ALLA NUTELLA! I più golosi staranno già sognando e quindi mettiamoci all'opera!


Ingredienti:

  • 140 gr di zucchero semolato
  • 5 uova
  • 100 gr di farina 00
  • 1 bustina di vanillina
  • 400 gr di nutella circa
  • zucchero a velo per il decoro finale
Preparazione: dividete i tuorli dagli albumi e frullate i tuorli insieme allo zucchero e alla vanillina fino a che non diventeranno chiari e spumosi. Nel frattempo, montate gli albumi a neve non troppo ferma  e quindi unite i due composti delicatamente con  movimenti dal basso verso l’alto. Aggiungete poi la farina  setacciata, amalgamandola sempre con movimenti dal basso verso l'alto. Versate l’impasto su di un foglio di carta forno che avrete precedentemente bagnato e strizzato e con cui avrete foderato la placca del forno. Livellatelo con una spatola piatta e liscia fino a raggiungere lo spessore di 1 cm circa. Infornate in forno statico già caldo a 220° per 6 minuti. La superficie del dolce deve diventare appena dorata e mi raccomando non aprite il forno, cosicché possa trattenere al suo interno l’umidità. Trascorso il tempo, estraete la pasta biscotto dal forno, toglietela immediatamente dalla teglia, (io uso capovolgerla con l'aiuto di un'altra placca) e poggiatela con tutta la carta forno su di un piano. Spolverizzate subito la superficie con dello zucchero semolato (servirà a non farla attaccare) e sigillatela immediatamente con della pellicola da cucina, ripiegando la pellicola anche sotto i lati  in modo che la pasta biscotto, raffreddandosi, trattenga al suo interno tutta l’umidità che servirà a renderla elastica e ci aiuterà a piegarla senza romperla. Nel frattempo, ammorbidite la nutella a bagno maria. Quando la pasta biscotto sarà fredda togliete la pellicola trasparente, staccate delicatamente dalla carta forno la prima parte dei due lati corti della pasta biscotto e farcite il rotolo con la nutella. Arrotolate  molto delicatamente partendo dal lato corto,  cercate di farlo ben stretto, quando avrete terminato l'operazione, avvolgete il rotolo in carta stagnola e mettetelo in frigorifero per 30 minuti. 
Piccola variazione: se siete a dieta (ma non volete rinunciare a questa golosità), potete usare la marmellata del vostro gusto preferito al posto della nutella...lo so, lo so...non è la stessa cosa!! 

Tolto dal frigo potete sbizzarrirvi nel decorarlo! Io vi suggerisco di ricoprirlo di zucchero a velo. Poi tagliate a ventaglio delle fragole e posizionatele sulla superficie del rotolo. Se non avete a disposizione delle fragole potete comprare i frutti di bosco surgelati (li trovate in qualsiasi supermercato). Qualche fogliolina di menta qua e la e il gioco è fatto! 
Per una presentazione eccellente vi lascio questo tutorial che vi insegnerà a intagliare le fragole con cui potete decorare il rotolo e qualsiasi altro dolce!

Buona golosità!
RDF

venerdì 26 ottobre 2012

Fendi Baguette Anniversary

Lanciata nel 1997, la Baguette è diventata uno degli accessori più glamour di quella decade ed è collezionata dalle donne di tutto il mondo. Il nome deriva dal famoso pane francese che di solito le signorine portano sotto braccio, è una borsa piccola ma ingannevolmente semplice, infatti è stata riprodotta in oltre 1000 versioni. Oggi compie il suo quindicesimo anniversario!!

"Mi era stato chiesto, tra molte altre cose, di immaginare una borsa particolarmente “facile” e funzionale. In un certo modo tecnologica e minimale, come era del tempo.La mia risposta – per fortuna sono una indomabile disobbediente – fu la Baguette. L’esatto opposto." -dice Silvia Venturini Fendi.

 A ben vedere, quella disubbidienza è stata un'idea eccellente! La Baguette ha una forma concava e convessa e nel corso degli anni è diventata un piccolo forziere e un luogo di segreti, non soltanto femminili. Questa mini borsa è spesso diventata "un compito a casa" o meglio una sfida per molti artisti internazionali, invitati a creare un design unico per le numerose appassionate della griffe. 


"Più grande di così non la vorrei
nemmeno solo un po’.
Più piccola, sarebbe un accessorio come un altro.
Nei momenti di solitudine, di quelli che capitano a tutte.
A una festa, in auto, al ristorante,
mentre semplicemente cammini per strada.
In momenti come questi, quando ti chiedi perché sei sola, e cosa ci fai qui.
Come un cucciolo, come un pappagallo posato sulla spalla,
come la bambola che ti portavi sempre dietro da bambina,
la tua borsa ti è stata accanto. Come l'amica più cara che hai."                                                         
  (B. Yoshimoto) 
RDF

giovedì 25 ottobre 2012

Rustico di mamma Lina!

E' quasi ora di preparare il pranzo, che ne dite? Allora vi posto una ricettina che mi è molto cara. E' un rustico alle verdure che prepara sempre la mia mamma. Diciamo che è più adatto alla cena, ma è ottimo anche per le feste in quanto, una volta raffreddato, non perde il suo fantastico sapore!


Tempo di preparazione: un'ora circa (compresa cottura in forno)
Ingredienti:

  • un rotolo di pasta sfoglia
  • una zucchina di media grandezza
  • un peperone
  • una patata media
  • una melanzana non molto grande
  • 3 bocconcini di mozzarella (o formaggio filante)
  • 1 uovo
  • 50 gr di prosciutto crudo (o una bustina di wurstell)
  • olio per soffritto
  • aglio
Preparazione: Tagliate i quattro ortaggi a pezzetti non troppo grandi e metteteli in una padella con un filo d'olio e uno spicchio d'aglio. Salate. Fateli soffriggere per almeno 20 minuti. Ogni tanto, aggiungete un filo d'acqua in modo che le verdure non si attacchino al fondo della padella. A cottura terminata, lasciateli freddare un po'. Dentro una pirofila con il fondo ricoperto di carta forno stendete la pasta sfoglia e bucherellate la superficie con la forchetta. Aggiungete l'uovo sbattuto alle verdure e mescolate il tutto (a fuoco spento), questo servirà per tenere unite le verdure. A parte, tagliate a cubetti la mozzarella e il prosciutto (o wurstell) e uniteli al composto. Versate la farcia su una metà della pasta sfoglia e con l'altra metà richiudete a portafoglio. Aiutandovi con una forchetta, pressate tutti i bordi del rustico, in modo che non fuoriesca il ripieno. Preriscaldate il forno a 180° e, quando sarà caldo abbastanza, infornate. 
Buon Appetito!
RDF

Trucco da strega! Clio docet!

Buongiornooo ragazze! Continuano i miei suggerimenti per la vostra festa di Halloween. Abbiamo parlato di dolcetti, di rustici...ma ora è arrivato il momento di occuparci del nostro look. Ho deciso di postarvi questo tutorial fatto da Clio (non ditemi che non la conoscete!), molto utile per imparare a mascherarci nel modo giusto! Poi, ad Halloween si sa..tutto è permesso! Dunque, non abbiate paura di esagerare! Questo è il primo video: 

Per chi invece è appassionato di vampiri, ecco il tutorial da "vampira sexy" dell'anno scorso:

Lasciate spazio all'immaginazione! Per arricchire il vostro look, vi consiglio di usare le lentine colorate: sono un po' costose (20 euro circa) ma il risultato è garantito!!! 
RDF

mercoledì 24 ottobre 2012

Mummie Wurstell!

Buongiorno a tutti..continuo a postare qualche altra ricettina gustosa e divertente in vista di Halloween. Oggi facciamo le mummie di wurstell! 

Ingredienti:
  • un rotolo di pasta sfoglia
  • wurstell di media dimensione
  • senape
Preparazione: stendere il foglio di pasta sfoglia su un piano e iniziare a ricavarne, con un coltello, delle piccole strisce. Arrotolare le strisce intorno ai wurstell, lasciando lo spazio per fare gli occhi. Preriscaldate il forno a 120°. Mettete le mummie sulla placca ricoperta da carta da forno. Quando la temperatura è abbastanza calda, infornate per circa 20 minuti. A cottura terminata, lasciate intiepidire i vostri piccoli rustici e poi, con uno stuzzicadenti intinto nella senape, disegnate gli occhi. Per fare questa operazione potete usare anche dei granelli di pepe.
Non sono carinissimi!? 
RDF

martedì 23 ottobre 2012

Alberto Guardiani presenta..Must Have!

Bhè, stavolta, Alberto Guardiani ha davvero superato se stesso proponendo delle scarpe (sembra riduttivo chiamarle così) davvero originali. "Must Have": le scarpe rossetto!! 


Due versioni: decoltè e sandalo, entrambi molto chic! I colori a disposizione sono tre: il rosso, il nero e il rosa chiarissimo, quasi lilla (vernice o opaco). La vera particolarità di queste scarpe sta nel tacco a forma di rossetto, alto circa 10 centimetri. Questi gioiellini hanno mandato fuori di testa le star e le fashion victim. Le potete trovare sul sito del noto marchio al costo di 330 euro (poco più, poco meno). Possiamo dire che, con questo modello di scarpe, copiatissime in tutto il mondo, Guardiani ha portato in alto il made in Italy, superando le più note aziende di questo settore, come Louboutin e Jimmy Choo. 
RDF

Mozzarella in carrozza

Buongiorno ragazzi!! Oggi vi voglio postare la ricetta di uno snack molto gustoso. Sinceramente, dopo il post che ho pubblicato ieri sera (quello dello Spuntino di mezzanotte ), mi sembra un controsenso! Però ogni tanto si può fare uno strappo alla regola!
Andiamo in cucina e prepariamo la MOZZARELLA IN CARROZZA..gnam gnam!!

Tempo di preparazione: 15 minuti.
Ingredienti per 4 paninetti:
  • 200 gr di mozzarella
  • 8 fette di pancarré
  • 2 uova
  • pangrattato
  • olio di semi per la frittura
  • sale
Preparazione: è molto semplice e veloce. Lasciate per 5 minuti la mozzarella fuori dalla sua acqua, in modo che risulti più asciutta. Tagliatela e mettetela tra due fette di pancarré come se voleste creare un sandwich. Immergete il pane farcito prima nell'uovo sbattuto, poi nel pangrattato e poi nell'olio bollente. Quando raggiungeranno la doratura, toglietele dal fuoco e lasciate sgocciolare l'olio in eccesso su carta assorbente. Salate quando sono ancora calde.
Buone vero???
RDF 

lunedì 22 ottobre 2012

Spuntino di mezzanotte??

Capita anche a voi che, dopo qualche ora dalla cena, viene il famoso languorino?! Casomai quando si ritorna a casa dopo una serata con le amiche. Non abbiamo sonno. Accendiamo la tv. Manca qualcosa però, qualcosa di leggero, di gustoso..uno SPUNTINO!! 

Diciamo subito che lo spuntino di mezzanotte non è cosa sana, infatti durante il sonno il nostro corpo consuma meno calorie e, spesso, queste ultime si trasformano in adipe. Gli alimenti da eliminare totalmente sono insaccati, formaggi, creme e budini, salatini, biscotti e fette di torta che ha preparato la mamma il giorno prima! Questi sono tutti alimenti ricchi di grassi e di zuccheri e quindi difficili da digerire. 

Chi è amante di dolci può concedersi uno yogurt o al massimo una pallina di gelato accompagnata a della frutta. Mentre, chi ama il salato può consolarsi con delle verdure a crudo, tipo carotine, lattuga croccante, pomodori.
Assolutamente NO all'alcool e alla pasta (so che qualcuno di voi l'ha provata..non vi nascondete hihihih)!!

Quindi stasera pensateci due volte prima di alzarvi dal letto! XD
RDF

I 5 rimedi contro i brufoli!!

Ehm...no ragazze!! Non è così che funziona!! 
E' vero i brufoli sono odiosissimiiii, spuntano sempre nei posti meno opportuni e soprattutto nelle giornate meno opportune. Per esempio: stasera c'è una festa, voglio essere bellissima, voglio avere un aspetto sfavillante ma...c'è lui, il "puntino" rosso che dice "Il difetto è qui!!". Quindi, non fate come la ragazza nel fumetto se non volete sembrare un semaforo rosso!

Per sconfiggere questi acerrimi nemici, su un interessantissimo sito (occhiaierimedi.net), ho trovato dei piccoli ma utili rimedi.


1)Pasta di dentifricio: un rimedio contro i brufoli molto discusso è quello di porre del dentifricio sul brufolo stesso, permettendo alla pasta di seccarsi e quindi seccare il brufolo rendendo più facile la rimozione. Non c’è differenza tra una pasta di dentifricio e l’altra, consigliamo però di porre attenzione a non sporcare, utilizzando dei cerotti o delle garze dopo aver coperto il brufolo.
2)Maschera al limone: questo rimedio contro i brufoli è sconsigliato per chi ha una pelle particolarmente sensibile, poiché le proprietà astringenti del limone, che hanno il merito di risolvere il problema brufoli, rischiano di provocare irritazione sulle pelli più fragili. La preparazione è molto facile, ci basta avere un limone e un uovo. Fate montare l’albume dell’uovo in una piccola ciotola e spremeteci assieme mezzo limone, spalmate la mistura sul volto, lasciandola agire per 15- 20 minuti. L’azione del limone diminuirà immediatamente il gonfiore del brufolo e aiuterà a rendere la pelle del viso più limpida.
3)Maschera allo yogurt: per le pelli più sensibili invece consigliamo quest’altro tipo di maschera, anche in questo caso gli ingredienti sono semplicemente reperibili in casa, infatti occorre semplicemente un cucchiaio di yogurt magro uno di farina e qualche goccia di limone. Come prima cosa, unire lo yogurt alla farina e mescolare fino ad avere un impasto omogeneo, aggiungere le gocce di limone e spalmare l’impasto sui brufoli, lasciatelo riposare per 15 minuti, risciacquate e il gioco è fatto! Il gonfiore diminuirà in breve tempo, ma non esagerate col trattamento se la vostra pelle è esageratamente sensibile.
4)Creme per il viso: forse il rimedio contro i brufoli maggiormente consigliato è l’utilizzo di una buona crema per il vostro viso, ponete molta attenzione ai prodotti che utilizzate che siano trucchi o creme, fondotinta o scrub per il viso, scegliete sempre dei prodotti adatti alla vostra pelle e di qualità, poiché un prodotto sbagliato non solo può incrementare la nascita di brufoli ma addirittura rischia irrimediabilmente di danneggiare la pelle del vostro viso. Scegliete sempre una crema non comedogena, ovvero che rischia di essere tanto grassa da ostruire i pori, e oilfree.

Anche il sapone allo zolfo aiuta a purificare la pelle e migliora la condizione del viso eliminando i brufoli e diminuendo le imperfezioni.
Ci raccomandiamo di seguire i consigli del vostro dermatologo o di un farmacista esperto per la scelta del prodotto che maggiormente si adatta alla vostra pelle.

5)Acqua ossigenata e tintura di iodio: un eccezionale rimedio contro i brufoli, testato personalmente per voi da occhiaie rimedi, è una maschera a base di acqua ossigenate e tintura di iodio. Pulitevi il viso tamponandolo delicatamente con un pezzetto di cotone imbevuto nell'acqua ossigenata, passate poi con altro cotone la tintura di iodio sul volto ponendo maggior attenzione alle zone affette dai brufoli. Lasciate che la tintura venga pienamente assorbita dalla pelle, pertanto vi consigliamo di utilizzare questo rimedio la sera prima di coricarvi, ponendo particolare attenzione a non macchiare il cuscino.
Spero di esservi stata d'aiuto! Smak!
RDF



Mousse al cioccolato

Buongiorno ragazzi e buon Lunedì!! Per addolcire la nostra giornata, oggi prepariamo un super dessert: la mousse al cioccolato, ottima per chiudere un pranzo davvero chic!

Tempo di preparazione: 20 minuti circa
Ingredienti per 4 persone:

•   300 grammi di cioccolato fondente
•   5 uova fresche
•   4 cucchiai di zucchero a velo
•   30 grammi di burro
•   un pizzico di sale 


Preparazione: fate sciogliere a bagnomaria la cioccolata tagliata a pezzetti, con due cucchiai d'acqua e il burro. Una volta pronto, versate il contenuto in una ciotola e aggiungete i tuorli e lo zucchero. Mescolate per bene finché non sarà tutto omogeneo. In un'altra ciotola, montate a neve gli albumi con un pizzico di sale. Unite i due composti molto lentamente. Distribuite la mousse in 4 ciotoline e mettetele in frigo per almeno 2 ore. 

Piccola annotazione: per rendere più appetitosa la vostra mousse, potete tostare delle nocciole, tritarle e ricoprire la superficie del dolce.
Variante: se non vi piacciono le nocciole, potete guarnire con uno spicchio di arancio caramellato, che fa molto chic!
Altra variante: se state preparando la mousse per la festa di compleanno dei vostri bambini, potete decorare con zuccherini colorati. 
RDF

domenica 21 ottobre 2012

BYD, riciclo e innovazione!

Salve a tutti, sono di nuovo qui per parlarvi di un'iniziativa molto carina che sostiene l'ecologia! Sto parlando di BYD, una boutique per bambini molto particolare nel cuore di Roma. BYD sta per "Build Your Dress" (letteralmente "costruisci il tuo vestito"). L'azienda veste bambini da 3 mesi agli 8 anni, tramandando e riciclando, per non gettare via oggetti e ricordi che prendono vita nei gesti e nei giochi di figli e nipoti. Praticamente, entrate con una vecchia camicia e uscite con un vestitino per la vostra bambina! 
Da BYD trovate anche una collezione interamente realizzata con abiti da uomo cuciti in Italia, sempre nel rispetto della tradizione. Pensate che perfino le stampelle per gli abitini sono realizzate in cartone riciclato.

Questo progetto nasce grazie a Flaminia Leoni Skibinski e Paola Salzano, dopo il viaggio di quest'ultima in Bangladesh. Qui Paola ha conosciuto Lavli, una bambina di 12 anni sfruttata in una fabbrica per circa 10 euro al mese. 
Questi sono incontri che cambiano la vita, non si può tornare indietro.
RDF

Nidi di Spaghetti

Eccomi di nuovo ragazzi..
Poche settimane fa, io e la mia coinquilina abbiamo sperimentato una ricetta che voglio proporvi. E' un piatto "domenicale" ed è 100% made in ITALY! Parliamo di spaghetti al forno a mo' di nido. 

Ingredienti:

  • 600 gr di polpa di pomodoro
  • olio
  • 2 spicchi d'aglio
  • sale q.b.
  • basilico
  • 80 gr di olive nere (anche capperi se volete)
  • 400 gr di spaghetti
  • mozzarella
  • pangrattato
Preparazione: Iniziate con il preparare il condimento in una padella antiaderente, quindi, fate soffriggere l'aglio nell'olio e poi aggiungete la polpa di pomodoro e qualche fogliolina di basilico. A metà cottura aggiungete le olive e i capperi tagliati a pezzettini. Salate a vostro piacimento. Lessate gli spaghetti e scolateli quando sono ancora al dente. Unite la pasta al condimento e fatela insaporire per bene. Ricoprite una pirofila con carta forno. Formate i nidi aiutandovi con un mestolo. Su ogni nido, aggiungete la mozzarella a cubetti, un altro po' di condimento e il pangrattato. Infornate a 180°, fino a quando i nidi non saranno gratinati!
Questo è il risultato finale!! Buon appetito.

RDF

Parliamo di Riciclo..Parte 1

Buon giornooooooo e buona Domenica a tutti!! Oggi parliamo di riciclo! Voglio condividere con voi questo video che ho trovato su youtube.

Se il vostro papà o il vostro ragazzo ha una camicia che non usa più RECUPERATELA e sbizzarritevi a creare top, mini abiti e gonne! Ovviamente scegliete una fantasia carina, altrimenti rischiate una caduta di stile. Inoltre, non esagerate con le trasparenze, soprattutto se create una mini gonna. Vi consiglio di abbinare dei leggins. Diventerà un capo da indossare in qualsiasi occasione, possibilmente un capo da giorno se utilizzate fantasie floreali o le righe. 
Vi lascio con questo divertentissimo e utilissimo video, che illustra 25 modi per legare un foulard o una sciarpina! 

 RDF

sabato 20 ottobre 2012

Cantucci e vin santo!

Ragazzi sta per arrivare l'inverno e cosa c'è di meglio che starsene a casa, davanti al camino, in compagnia di buoni amici a sorseggiare un ottimo bicchiere di vino? Se avete intenzione di organizzare una seratina così intima, vi consiglio di preparare i CANTUCCI, uno dei maggiori vanti dolciari della Toscana. Ottimi soprattutto accompagnati dal Vin santo. 




Tempo di preparazione: 60 minuti circa
Ingredienti per 6 persone:
  • 500 gr di farina doppio zero
  • 250 gr di mandorle già sgusciate
  • 250 gr di zucchero semolato
  • 100 gr di burro
  • 6 uova (di cui 4 intere più un tuorlo per i biscotti e uno piccolo per spennellare)
  • 4 gr di lievito
  • 1 pizzico di sale
Preparazione: Disponete le mandorle su una placca da forno e fatele tostare per qualche minuto a 190°. In una terrina, mettete 4 uova, un tuorlo, il sale e lo zucchero semolato. Montate il tutto con una frusta fino a ottenere un composto gonfio e spumoso. Unite il burro fuso, mescolate bene, poi versate la farina setacciata con il lievito e amalgamate bene. Aggiungete le mandorle. Trasferite l'impasto su una spianatoia infarinata e compattatelo con le mani fino ad avere una sorta di palla. Suddividetela in tre parti uguali e formate dei filoncini lunghi circa 30 cm. Trasferiteli su una placca rivestita con carta da forno e spennellate i tre filoncini con l'uovo. Fate cuocere per 20 minuti a 190°. Dopo averli tolti dal forno, lasciateli intiepidire e tagliateli ricavandone dei biscotti. Ripassateli in forno per altri 10 minuti a 170°. 

Per la conservazione vi suggerisco una scatola di latta (quelle dei panettoni). 
RDF

Victoria's Secret di diamanti!

Victoria's secret è il famoso marchio di abbigliamento femminile noto in tutto il mondo, soprattutto per la creazione di lingerie molto sexy e alla moda. Pensate che solo negli Stati Uniti ha più di 900 punti vendita! Il nome dell'azienda è un chiaro riferimento alla regina Vittoria (1837) e fu fondata nel 1977 da un noto imprenditore chiamato Roy Raymond. Per questa compagnia hanno lavorato le più famose modelle, come Adriana Lima.

Anche quest'anno l'azienda ha deciso di lasciare il segno, infatti proprio tre giorni fa, è stato presentato a New York uno dei reggiseni più costosi al mondo: il Fantasy Bra, con il valore di 2,5 milioni di dollari. 

Ricamato con oro rosa e giallo, il push up riprende un delizioso motivo floreale e bucolico, formato da ametiste, zaffiri, rubini..e al centro c'è un diamante bianco removibile da 20 carati! A completare il Floral Fantasy Gift Set, anche una cintura con 5.200 gemme preziose. Madrina dell'evento è stata Alessandra Ambrosio, la famosa top model brasiliana, già in perfetta forma dopo essere diventata mamma.
RDF

Tutte Pazze per il Pizzo



Ebbene sì, questa è la stagione del PIZZO. Tornato nuovamente di moda, sta spopolando nei guardaroba di tutte le fashioniste!!!
Così raffinato, così elegante ma anche molto sexy, non è presente solo nelle camicie, maglie o pantaloni, bensì anche sulle scarpe..




Kate Middleton 
Gli abiti in pizzo hanno letteralmente invaso il red carpet, d'altronde è glamour ma estremamente trasformista: può essere sexy, trendy, rock e innocente.
Inoltre, molti stilisti, per le nuove collezioni 2012-2013, hanno puntato sul Pizzo…per cui ragazze, se siete ancora sprovviste, correte a comprare un capo di questo genere, che fa sempre comodo averlo nell'armadio, pronto ad aiutarvi per un outfit perfetto ed originale!
A.M.

venerdì 19 ottobre 2012

Crocchette di Mais

Ciao ragazzi, avete già preparato la cena?! Voglio darvi una ricettina veloce veloce e semplice semplice da gustare questa sera come contorno alla carne oppure a qualsiasi altra cosa, anche come aperitivo.
Mettiamoci a cucinare e prepariamo le crocchette di mais!!

Tempo di preparazione: 25 minuti.

Ingredienti per 4 persone:

  • Mais in scatola (450 gr.)
  • Besciamella molto densa (250 cc)
  • 2 uova
  • Grana grattugiato
  • Pangrattato per impanare
  • Olio di semi per friggere
  • Sale e pepe
Preparazione: passate al frullatore il mais con pochissimo liquido di conservazione. Raccogliete la purea in una terrina e incorporate la besciamella. Se non ce l'avete in dispensa, la potete preparare voi con 50 gr. di burro, 50 gr. di farina, un bicchiere abbondante di latte, sale e pepe (dose per 4 persone). Unite al composto i tuorli, metà degli albumi e il grana. Salate e pepate. Fate raffreddare completamente il composto mettendolo in un piatto abbastanza largo. Formate delle crocchette e passatele nell'albume rimanente montato a neve e poi nel pangrattato. Friggetele in olio caldissimo, fino a quando non saranno belle dorate. Servitele con un'isalatina fresca dopo aver sgocciolato l'unto su carta assorbente da cucina.
Buon appetito!
RDF

Jack o'Lantern...lo "zuccone"

Il simbolo di Halloween per eccelenza è la famosa zucca intagliata, rappresentante una faccia macabra e illuminata grazie a una candela posta al suo interno. Secondo la tradizione irlandese, la zucca trae origine dalla leggenda di un uomo fannullone chiamato Stingy Jack. 

Era la notte di Halloween quando Jack, seduto in un pub con un grosso boccale di birra, si imbattè nel Diavolo, che voleva impossessarsi della sua anima. L'uomo, astuto come una volpe, chiede a Satana un desiderio in cambio: un'ultima bevuta! Jack si lamentò del fatto che non aveva soldi per pagare l'oste, così il Diavolo si trasformò in una monetina da sei pence che l'uomo intascò immediatamente. Siccome sulla moneta era raffigurata una croce d'argento, Satana non riuscì più a ritornare alla sua forma originaria. Imprigionato irrimediabilmente, per riottenere la libertà, il Diavolo accettò il patto proposto da Jack, che consisteva nel posticipare di un anno (alcuni dicono dieci anni) la sua morte. La vigilia di Ognissanti seguente, il Diavolo si ripresentò da Jack, il quale adottò un nuovo stratagemma. Questa volta si tratta di una scommessa: Satana non sarebbe mai più sceso da un albero. Il Diavolo accettò ridendo e si arrampicò. Nel frattempo l'uomo disegnava sulla corteccia una croce, che impediva al Diavolo di saltare giù. Con la vittoria in pugno, Jack propose al Diavolo un patto: egli avrebbe cancellato la croce, se lui si fosse impegnato a non tentarlo più. Dopo circa un anno, Jack morì. Al suo bussare alle porte del Paradiso, venne risposto che non sarebbe potuto entrare perché aveva condotto una vita piena di peccati. Giunto all’Inferno, anche il Diavolo gli negò il permesso di entrare, perché ancora offeso per come era stato raggirato dall’uomo. Tuttavia, il Diavolo donò a Jack un tizzone che gli illuminasse la strada nel limbo oscuro. Per far durare più a lungo quella luce, Jack la ripose in una rapa svuotata, ricavandone così una lanterna. Da allora Jack fu soprannominato Jack O’Lantern.

Nella leggenda si parla di una rapa, non di una zucca: la spiegazione sta nel fatto che gli irlandesi sbarcati in America non avevano più a disposizione il tubero e per questo iniziarono a usare le zucche svuotate.


Vi lascio con questo tutorial preso da youtube, che ci spiega come realizzare al meglio la nostra zucca da mettere davanti al portone di casa o sul balcone la notte di Halloween! 
RDF

Studiare bene...you can!

Buongiorno amici!! Siccome sono iniziati da poco i corsi all'università e le mie giornate sono sempre più impegnate, ho pensato di fare delle ricerche per gestire al meglio il mio studio, come dice il mio prof di economia: "Massimo risultato con il minor sforzo!". 


La prima cosa da dire è che uno studio senza METODO è disordinato. Un buon sistema è tenere un quaderno di studi dove appuntare per prima cosa i tempi e le scadenze, il materiale da studiare e le strategie da adottare (mappe, riassunti). E' bene ricordare che se si è motivati nello studio otterremo maggior successo, mentre una scarsa motivazione ed auto-svalutazione porta a sfiducia, perciò è importante pianificare i risultati, autogratificarsi e premiarsi. 


Quando studiare? E' importante fissare bene gli orari migliori della giornata, per esempio dopo una buona colazione, mentre il ripasso va bene prima di andare a letto, perchè la fase sonno/veglia ha il vantaggio di fissare ricordi. NO allo studiare a letto e addormentarsi sulla scrivania. Prima di iniziare va preparata la concentrazione, dunque meglio pause brevi per non perderla. Inoltre importante è pianificare il ritmo di studio, diviso nella fase dell'apprendimento, dell'elaborazione, del ripasso e del riposo.

Dove studiare? E' consigliato un ambiente ben aerato, non troppo caldo nè troppo freddo, tranquillo, silenzioso, piacevole. L'ordine facilita la concentrazione, fa risparmiare tempo; scrivania ampia, sedia confortevole, postura corretta, luce da sinistra, accessori a portata di mano. Se si è capaci di concentrarsi si può ascoltare musica - soft e di sottofondo - a basso volume. Attenzione alle distrazioni sia interne (di tipo psicologico, a causa di  rapporti o fatti accaduti) che esterne (quali foto, telefonate, visite continue, internet, TV).

Non ci resta che iniziare a studiare!! Buon lavoro!! 
RDF

giovedì 18 ottobre 2012

Dolcetto o scherzetto?? Pipiscotti!!

Ragazzi Halloween si avvicina..quindi inizierò a pubblicare un po' di idee per la vostra festa! Dunque...dolcetto o scherzetto?? Ma ovviamente DOLCETTO! 
Vi propongo quelli che io ho soprannominato PIPISCOTTI, dei biscottini burrosi a forma di pipistrello. Sono molto semplici da preparare e porteranno via solo una ventina di minuti della vostra giornata super impegnata. Mettiamoci all'operaaa!
Ingredienti:

  • 100 g. di burro morbido, a temperatura ambiente
  • 100 g. di zucchero
  • 1 uovo leggermente sbattuto
  • 275 g. di farina
  • 1 bustina di vanillina
  • marmellata (preferibilmente all'albicocca)
  • nutella

Preparazione: Prima di iniziare, preriscaldate il forno a 180° e ricoprire una placca con la carta forno. In una terrina, unite il burro, lo zucchero e amalgamate per bene. Unite l'uovo e continuate ad amalgamare il tutto. Versate la farina, mescolata precedentemente con la vanillina, e lavorate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Su un piano di lavoro, stendete la pasta (fino a che non diventa spessa di un centimetro). Con un apposito stampino ricavate i pipistrellini e infornate tutto per 8/10 minuti, fino a quando non saranno belli dorati. Una volta pronti, lasciateli raffreddare e poi spalmateci sopra la nutella o la marmellata. Ed eccoli quiii!!


Piccola variante: se non volete utilizzare la marmellata o la nutella, potete preparare una glassa con una goccia di colorante per dare vita ai vostri dolcetti. 
ALTRA piccola variante: se non avete lo stampino a forma di pipistrello, potete fare altre forme..per esempio, con un ovale e un po' di fantasia, si può fare la forma della famosa zucca.
RDF

Anelli...inusuali!

Girando nel web, ho trovato alcune immagini di un oggetto che di per sè è molto semplice, ma che ultimamente è diventato un accessorio immancabile nel look di una donna! Sto parlando di ANELLI! Hanno forme stravaganti e alcuni sono fatti di materiali impensabili (persino di cartapesta).
Per esempio, voi avreste mai immaginato di poter bere dal vostro anello??
Bhè, è possibile con questo..
Non è incredibile? Con questo anello (se così si può chiamare) avrete un mini bicchiere sempre a portata....di MANO! XD

Mentre per chi ama il caffè e appuntare i suoi pensieri su un diario, il brand SouZouCreations ha creato questo insolito anello con base in argento e dettagli in plastica, vetro e pelle. Eccolo qui..

Pensate che aprendo quella minuscola agendina ci si può addirittura scrivere sopra, infatti all'interno contiene delle piccole pagine di carta!! Per quanto ingegnoso e particolare, questo piccolo gioiellino ha un costo accessibile: 10 euro! Ovviamente gli anelli SouZouCreations non sono realizzati per essere indossati tutti i giorni, ma in un'occasione particolare la figura è garantita! A voi i commenti! :)
RDF


Gateau di Patate

Oggi vi posto una delle mie ricette preferite!! Il signor Gateau di Patate!! Piatto unico, saporito e abbastanza semplice da preparare. Ottimo, inoltre, per le cene o le feste con più persone, infatti è buonissimo anche da freddo. Munitevi di patate e mettiamoci all'opera!

Ingredienti per sei-otto persone:

1 kg di patate
3 uova
70 gr di burro
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
50 gr di cubetti di prosciutto cotto (o salame napoletano)
150 gr di provola o mozzarella
prezzemolo
pane grattugiato
sale, pepe
burro per lo stampo
Preparazione: lessate le patate già sbucciate in acqua bollente e una volta cotte mettetele in una terrina. Dopodiché potete schiacciarle o con la forchetta o con l'apposito schiaccia patate fino a creare una purea omogenea. Mentre aspettate che si freddino un pochino, iniziate a tagliare la mozzarella,  il prezzemolo finemente e a sbattere le uova. Unite il tutto con la purea e mescolate per bene. Salate e pepate a vostro piacimento. Aggiungete il formaggio grattugiato e mettete tutto in uno stampo (già precedentemente imburrato) non troppo grande, perchè non deve venire basso. Cospargete di pan grattato e mettete in forno a 180° per circa mezz'ora, fino a quando non si forma la famosa crosticina (per i più golosiiiiiii!!).
Piccola variante (per studenti e per casalinghe disperate): se non avete tempo di sbucciare, lessare e schiacciare le patate potete usare le comode bustine di purè già pronto..
...e buon appetito!!                                                                                                                                                        RDF

mercoledì 17 ottobre 2012

Sushiiiii...ma, all'italiana!!


Salve a tutti..sono di nuovo qui per parlarvi di una ricettina molto veloce e gustosa che soddisferà i vostri palati. Sto parlando del sushi..all’italiana!!! E’ molto semplice da preparare e ci sono moltissime varianti. Io cercherò di insegnarvi quelle più veloci e meno costose.

v  Sushi vegetariano. Il sushi vegetariano si può preparare o con le zucchine o con delle foglie di lattuga. Con le zucchine: affettate in modo molto sottile e in orizzontale le zucchine. Potete sia grigliarle che sbollentarle (per chi ama il light). Una volta pronte, disponetele su di un tagliere e potete farcirle sia con l’insalata russa, sia con un formaggio fresco di vostro piacimento più erba cipollina o prosciutto cotto. Basterà infine arrotolare la zucchina su se stessa facendo attenzione a non far fuoriuscire il ripieno. Con le foglie di lattuga: questa volta è più sbrigativo perché le foglie di lattuga non hanno bisogno di essere grigliate o sbollentate. Per il ripieno adottate lo stesso procedimento.. e non vi resta che dare spazio alla vostra fantasia! 


 Sushi di pesce. Per cucinare un tipo di sushi molto simile a quello giapponese vi consiglio di fare in questo modo: le alghe nori possono essere sostituite con verdure a foglia verde, tipo spinaci o biete, e il pesce può essere cotto un pochino (perché non a tutti piace crudo!).


Et voilà!! In questo modo farete un figurone con i vostri amici, che saranno sicuramente soddisfatti di essere stati vostri ospiti a cena! 
RDF

Non è una borsa...è una Birkin!


Il sogno di tutte le appassionate di moda non è andare alla ricerca disperata del principe azzurro (quello può aspettare!) ,bensì poter stringere tra le proprie mani un vero “tesoro”, come la favolosa Birkin

Solo a sentirla nominare, gli occhi di tutte le fashioniste cominciano a brillare, proprio come quelli di un bambino alla vista di un giocattolo. Peccato però, che il  “giocattolo” in questione, costi più di 6000 euro (in riferimento solo ai modelli basici), altrimenti il prezzo salirebbe, fino ad arrivare a più di 120.000 euro. Tuttavia, se prima la Birkin poteva essere considerata una “vetta raggiungibile”, ora, con la crisi che sta investendo il nostro Paese, è diventata davvero un miraggio lontano, o meglio, impossibile. Ma niente ci impedisce di sperare che queste “piccole, grandi” meraviglie, un giorno, possano essere indossate da noi..d'altronde: la speranza è l'ultima a morire, no?!  Come citava Samantha in “Sex and the City”«Quando potrò andare in giro con quella, allora, saprò che ce l'ho fatta!»
Quindi uomini, altro che fiori e diamanti! Ditelo con una.. Birkin, che è per sempre. ;)

 A.M.

Nail Art Style


Delicate, romantiche o stravaganti, le nail art spopolano sempre più tra le ragazze (e non solo!!) di tutto il mondo. Dopotutto è anche un modo per esprimere la nostra personalità no?! Nello star system, se dico "nail art" risponde la famosa popstar  Lady Gaga, fotografata più volte con delle unghie molto, molto originali (ma, a mio parere, al limite del possibile). Basta guardare questa immagine…


Oggi voglio parlarvi delle ultime tendenze riguardanti il campo della nail. Una delle tecniche che più mi ha colpito è la “Caviar”…esatto “Caviale”!! E’ così chiamata perché sulle unghie vengono applicate delle minuscole perline colorate, creando un effetto 3D. La moda è stata lanciata da Ciatè (non voglio entrare nel dibattito creatosi riguardante questo argomento), noto marchio di cosmetici. Ecco alcune immagini..




COME FUNZIONA?? Basta applicare sull'unghia (ben pulita e ben asciutta) una qualsiasi base, colorata o trasparente, e, quando lo smalto è ancora fresco, lasciate cadere le perline in modo che ricoprano tutta l’unghia. Sistematele con un bastoncino di legno e infine passate il top coat per rendere il tutto più resistente. 

Con la stessa tecnica si possono creare nail art coloratissime con le famose piume. Ecco un esempio:

 RDF



martedì 16 ottobre 2012

Gli alimenti utili per riequilibrare la sfera psico-emotiva


Su un interessantissimo sito ho trovato questo articolo molto carino che voglio riproporvi: La nuova dieta basata sul carattere e sulla costituzione biologica della persona.
Una corretta alimentazione è legata non solo a determinati abitudini a tavola ma anche al carattere e alla costituzione biologica di ciascun individuo: è quanto emerso nel corso di un  recente incontro internazionale sullo studio del comportamento e cibo. 

Gli alimenti influiscono sulla mente dell’uomo producendo effetti rilassanti oppure stimolanti. Alcuni cibi sono in grado di riequilibrare la sfera psico-emotiva della persona. Quindi, ciascuno di noi dovrebbe seguire una dieta “su misura” tenendo conto anche della propria personalità e dell’esigenza individuale. I farinacei, ad esempio, sono particolarmente indicati alle persone che fanno fatica a concentrarsi e a chi si sente giù di tono. La verdura, invece, è adatta ai soggetti nervosi e iperattivi, perché esercita un buon potere calmante.
Secondo gli esperti, oltre a scegliere correttamente gli alimenti, bisogna considerare anche l’orario in cui si consumano. La carne, infatti, non va mangiata alla sera, in quanto essendo un cibo che favorisce la produzione di sostanze eccitanti, come l’adrenalina e la dopamina, può favorire l’insonnia. Mentre alla sera, vanno preferiti gli ortaggi e i latticini che agiscono come tranquillanti.
Quando si avvertono sensazioni di depressione  oppure quando ci si sente giù di morale senza un valido motivo, vuol dire che il nostro organismo ha bisogno di una buona dose di sostanze euforizzanti. Un piatto di pastasciutta al giorno (gnam gnam) e qualche pezzetto di cioccolato di tanto in tanto sarà utile per recuperare il buonumore.
Utile in questi casi è anche integrare la propria dieta con cibi che contengono discrete quantità di magnesio e vitamine del gruppo B. Via libera, quindi, a legumi, mandorle, e cereali integrali. No, invece, ai cibi che contengono colina, come uova, pomodori e cavolfiori.
MIGLIORA LA MEMORIA MANGIANDO COSI’…
Per un corretto funzionamento delle membrane cellulari il nostro organismo ha bisogno in particolare di due elementi essenziali: gli omega 3 e gli omega 6. Questi acidi grassi sono reperibili in buone quantità nelle sarde, negli sgombri, nel salmone, nell’olio d’oliva, in quello di soia e di girasole. La dose giornaliera raccomandata di omega 6 è pari a circa 2 cucchiaini di olio di girasole.

Che dire, non ci resta che seguire questi utilissimi consigli..Come dice il noto cuoco Simone Rugiadi: "Non si può amare bene, dormire bene e vivere bene se non si è mangiato bene!"                                                     RDF


Musica in 3D


3D: tre dimensioni, tridimensionalità..se fino a una decina d’anni fa la cosa sembrava assurda, oggi il 3D è alla portata di tutti. Chi di voi non è mai andato al cinema a vedere un film con i famosi occhialetti di cartone?! Oggi, però, voglio parlarvi non del cinema, ma della musica in 3D. Lasciando da parte l’aspetto tecnico della cosa (dolby surround ecc.), pensiamo a come la musica ci avvolge, a come ci trasporti in un mondo del tutto straordinario. Bastano un paio di cuffie e ci si può isolare dalla realtà!

Al centro di Trafalgar Square (Londra),uno degli ambienti più frequentati della città, è stato istallato un impianto chiamato “Be Open Sound”, che invita il pubblico a fare un’esperienza del tutto nuova! Invece di uno spettacolo visivo, si assiste a uno spettacolo esclusivamente acustico e sonoro, grazie alle più innovative tecnologie audio. All’interno di questa struttura gommata vi sono cinque artisti, a ognuno dei quali è stato commissionato di creare una sorta di paesaggio sonoro. Sono loro il futuro dell’evoluzione acustica! Infatti, un viaggio nel Be Open Sound è un must per tutti coloro che sono interessati a conoscere quello che sarà, in futuro, il mondo del suono. 
Ecco alcune immagini della struttura!
RDF



Cos'è food and fashion

Food and Fashion è un blog che parla di ultime tendenze in campo di moda e che vi dà delle ricettine gustose e semplici per chi, come me, si è messo da poco ai fornelli.